8. Urbino

Cosa visitare ad Urbino

Eventi

Cosa mangiare a Urbino

Piatti Tipici: http://www.terrediurbino.it/it/montefeltro-da-scoprire/la-cucina.aspx

Cosa visitare intorno a Urbino

(testo tratto da http://marcheadvisor.turismo.marche.it/itinerario/dalla-riviera-delle-colline-ad-urbino-e-lentroterra)

Dopo aver visitato Urbino con le sue eccellenze, prima di raggiungere la costa, non perdete l’occasione di visitare Urbania e il suo Palazzo Ducale, l’antica Casteldurante della maiolica, prodotta dagli abili maiolicari del luogo che, favoriti dalla corte Roveresca, hanno dato vita al genere dell’Istoriato.

Arrivando sulla costa del mare Adriatico si trova per prima la città di Pesaro. Siamo nel Distretto del legno e del mobile di Pesaro-Urbino, che ha visto, a partire dagli anni Settanta, il decollo in particolare del Settore Cucine. Affacciata sul mare, Pesaro è un centro balneare Bandiera Blu dalla ricca offerta turistica. Sono sette i chilometri di spiaggia sabbiosa tra litorale attrezzato e libero, più di 100 le strutture ricettive, alcune aperte tutto l’anno, tra alberghi al mare, in centro e collina, agriturismi, campeggi e appartamenti. Sul lungomare è inoltre in funzione il tratto comune della Ciclovia Adriatica, la lunga pista ciclabile della costa adriatica, che corre da Pesaro a Fano per dodici chilometri. Da non perdere una visita al Parco regionale del Monte San Bartolo, situato tra Gabicce Mare e Pesaro e caratterizzato da aspetti naturali molto suggestivi.

A 15 minuti di auto a sud di Pesaro si incontra Fano, che oltre ad essere una nota località balneare, Bandiera Blu, è famosa per il suo Carnevale, il più antico d’Italia. Il suo litorale si suddivide in Lido e Sassonia, entrambi con coste basse: la prima è sabbiosa, la seconda ghiaiosa. A Fano è presente un importante porto peschereccio e gli amanti del turismo nautico possono contare sull’attrezzato porto turistico di Marina dei Cesari.

Nell’entroterra della riviera marchigianoromagnola, poco distante dal mare e con un piacevole paesaggio collinare sullo sfondo, è situato il  Castello di Gradara con la Rocca ed il suo borgo fortificato rappresentano una delle strutture medioevali meglio conservate d’Italia e le due cinte murarie che proteggono la fortezza, la più esterna delle quali si estende per quasi 800 metri, la rendono anche una delle più imponenti.

Ancora nell’entroterra, da non perdere la cittadina di Acqualagna, ove ogni anno, fine ottobre/inizio novembre, si tiene la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco, che fa sì che questo centro diventi il luogo di incontro privilegiato per la promozione e la commercializzazione sia a livello nazionale che internazionale di questo rinomato tubero. A pochi Km da Acqualagna si trova la Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo, un autentico paradiso, attraversato dal fiume Candigliano che si insinua tra le imponenti pareti rocciose della Gola, dove la suggestione del paesaggio si unisce a una prodigiosa ricchezza naturalistica della flora e della fauna. Da segnalare la galleria romana fatta scavare dall’imperatore Vespasiano tra il 76 e il 77 d.C nel punto più stretto della Gola.

A mezzora d’auto da Acqualagna sorge il comune di Pergola, ove ha sede, nel trecentesco ex-convento di San Giacomo, il Museo dei Bronzi dorati e della città di Pergola. Esso accoglie i Bronzi Dorati, l’unico gruppo statuario equestre di bronzo dorato (composto da due cavalieri, due cavalli e due donne in piedi) giunto dall’età romana ai nostri giorni.

 

__________________________________________________________________________

What to see in Urbino

 

Events

 

What to eat in Urbino

Typical dishes:
http://www.terrediurbino.it/it/montefeltro-da-scoprire/la-cucina.aspx

 

 

What to see in the neighbourhood of Urbino

After visiting Urbino with its marvels and, before reaching the coast, do not miss the opportunity to visit Urbania and its Palazzo Ducale, the ancient Casteldurante della Maiolica, with its tin glazed ware or maiolica produced by the skilled local ceramicists who, favoured by the court of the Della Rovere family, created istoriato ware showing detailed historical and mythical scenes.

Arriving on the coast of the Adriatic, one first finds the city of Pesaro. We are in the district of wood and furniture of Pesaro-Urbino, which saw, from the seventies, the take-off in particular of the fitted-kitchen industry. Overlooking the sea, Pesaro is a Blue Flag beach resort with abundant facilities for the visitor. There are seven kilometres of sandy beach, partly equipped with beach umbrellas, partly free, more than 100 facilities offering accommodation, some open all year round, ranging from sea-front hotels and hotels in the town centre and the hills to agriturismi, campsites and apartments. Along the seafront there is also the common stretch of the Adriatic Cycle Route, the long cycle path along the Adriatic coast, which runs for twelve kilometres from Pesaro to Fano. Do not miss a visit to the Regional Park of Monte San Bartolo, located between Gabicce Mare and Pesaro with its very picturesque scenery.
A 15-minute drive south of Pesaro brings one to Fano, which in addition to being a well-known Blue Flag seaside resort, is famous for its Carnival, the oldest in Italy. Its coastline is divided into the Lido and Saxony: the first being sandy, the second pebbly. In Fano there is an important fishing port and lovers of boating and sailing can count on the equipped marina of Marina dei Cesari.

In the hinterland of the Marche-Romagna Riviera, not far from the sea and with a pleasant hilly landscape in the background, lies Gradara Castle with its fortress and fortified village, which constitute one of the best preserved medieval structures in Italy, and the two curtain walls that protect the fortress, the outermost of which extends for almost 800 metres, make it one of the most impressive structures of that era.

Still inland, do not miss the town of Acqualagna, where every year, at the end of October / beginning of November, the National White Truffle Fair is held, when the town becomes the chief meeting place for the promotion and marketing, both nationally and internationally, of this renowned truffle. A few kilometres from Acqualagna lies the State Natural Reserve of the Gola del Furlo, a real paradise, crossed by the Candigliano river that winds between the imposing rock walls of the gorge, where the impressiveness of the landscape is combined with an abundant variety of flora and of the fauna. The Roman tunnel excavated by Emperor Vespasian between 76 and 77 AD in the narrowest part of the gorge is remarkable.

A half hour drive from Acqualagna lies the town of Pergola, where you can find the fourteenth-century former convent of San Giacomo, now the Museum of the Gilded Bronzes and of the city of Pergola. It contains the Golden Bronzes, the only equestrian group of gilded bronze (made up of two horsemen, two horses and two standing women) that has come down to us from Roman times.

 (text translated from http://marcheadvisor.turismo.marche.it/itinerario/dalla-riviera-delle-colline-ad-urbino-e-lentroterra

fondato nel 1959 da Enrico Paleari e Germain Brulliard